Vai ai contenuti
Mitia DEDONI




L'artificiale si scontra con la natura; le costruzioni, i palazzi, le strade, elementi necessari al nostro vivere che occupano la terra, il paesaggio si impongono decisi modificando ed occupando lo spazio terreno. Ormai, completamente assuefatti, i nostri occhi, specialmente di coloro che sono nati e cresciuti in una città o metropoli, percepiscono come assolutamente naturali quelle geometrie di acciaio, i sempre più numerosi agglomerati di cemento e le infinite distese di asfalto che ci circondano; questi infatti sono diventati parti imprescindibili di quella giungla artificiale che l'uomo si è costruito, divenuta il simbolo della civiltà e del progresso raggiunti durante il corso della sua storia evolutiva.
Grazie agli stupendi bianco e nero del fotografo Mitia Dedoni è possibile così confrontare in maniera molto stimolante due mondi complementari o meglio una realtà unica in divenire cercando di capire le modalità attraverso le quali l'uomo trasforma il territorio e lo spazio in cui vive.
L'eleganza e la superba resa visiva, di forte impatto, che caratterizza queste immagini, ci permette anche di osservare in quale modo stiamo modificando la natura e l'ambiente che ci circonda, come stiamo occupando ed intervenendo sullo spazio avendo come inesorabile conseguenza quella di far scomparire elementi naturali a discapito di costruzioni artificiali; queste opere umane  finiranno inevitabilmente  per costituirsi  come specchio della qualità delle scelte intraprese  nel corso della nostra esistenza comune. Stiamo allora adoperando il giusto approccio applicando decisioni rispettose e di buon senso nei confronti della natura e l'ambiente che permette la nostra sopravvivenza oppure ci stiamo dirigendo verso una strada sbagliata e pericolosa, perseguendo modelli di sviluppo fortemente invasivi, nonché nocivi verso il  pianeta e verso noi stessi?
Il merito della fotografia di Mitia Dedoni è quello di interrogarsi e condurre una ricerca su queste tematiche di grande attualità ed interesse universale, finendo per conquistare inevitabilmente la nostra curiosissima attenzione.
(V.P)






Questo sito  non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della
legge n° 62 del 7.03.2001.

Tutte le immagini presenti su questo sito appartengono ai rispettivi autori
SOSTIENI BESTSELECTED
Torna ai contenuti